Per me imbattibili: le informazioni, i consigli e le offerte su MyBonviva
MyBonviva vi offre tutto ciò che rende più attraenti le prestazioni bancarie e migliora la vita: temi di attualità, storie avvincenti, le ultime tendenze, consigli, vantaggi, offerte esclusive e premi – selezionati appositamente per voi.

  • Alla scoperta – spazio alle innovazioni dedicate alla stagione

  • Scoprire Berna - un fine settimana con le migliori amiche

  • Liberiamoci delle cose vecchie

  • Le più belle città svizzere da visitare in inverno

Servizio chiavi smarrite Bonviva

Dove sono le chiavi? Facile ritrovarle con il servizio chiavi smarrite Bonviva.

Servizio gratuito per i clienti Bonviva: con il portachiavi Bonviva le chiavi smarrite ritrovano la via di casa. Basta che chi le ritrova le imbuchi in cassetta delle lettere in Svizzera. Il mazzo di chiavi viene restituito al proprietario, identificato in forma anonima da Credit Suisse grazie al codice sul portachiavi.

Temi di particolare interesse per Credit Suisse

Notizie dal mondo di Credit Suisse  – in esclusiva per voi:

  • Economia

    Global Wealth Report: per la prima volta il patrimonio mondiale non cresce

    Che andamento ha avuto la ricchezza globale? Un fatto è certo: gli svizzeri sono undici volte più ricchi rispetto alla media mondiale.

    show more / less of expandable content

    Nel Global Wealth Report il Credit Suisse Research Institute pubblica regolarmente i risultati di una indagine globale sull’andamento della ricchezza in oltre 200 paesi.

    Dopo anni di crescita, la ricchezza globale risulta essere in stagnazione assestandosi per la prima volta dal 2008 sugli stessi livelli dell’anno precedente. Gli svizzeri sono undici volte più ricchi rispetto alla media mondiale. Il 10 percento più abbiente della popolazione mondiale possiede l’89 percento della ricchezza globale.

    È quanto illustra il nuovo Global Wealth Report del Credit Suisse Research Institute insieme a tanti altri interessanti team.

    Global Wealth Report: i principali riscontri dei nostri esperti riassunti per voi.

  • Società

    Barometro delle apprensioni: cresce l'ottimismo, le principali preoccupazioni restano invariate

    Il barometro delle apprensioni 2016 indica: in Svizzera aumenta l'ottimismo. Così come la fiducia nella politica e nelle autorità. Disoccupazione, stranieri e previdenza per la vecchiaia si confermano come principali preoccupazioni della popolazione, ma sono meno rilevanti.

    show more / less of expandable content

    Quali sono i principali timori degli svizzeri? E come si caratterizza la fiducia nelle istituzioni politiche, economiche e sociali? A queste domande il Credit Suisse cerca di rispondere con l’annuale sondaggio del barometro delle apprensioni.

    Gli attuali risultati dello studio indicano: la tendenza è cambiata, c’è più spazio per l’ottimismo. I principali timori degli svizzeri sono gli stessi degli anni precedenti, ma non sono considerati più così minacciosi. Ora la disoccupazione rappresenta la principale preoccupazione solo per il 45 percento degli intervistati. Negli anni precedenti era stata indicata rispettivamente dal 56 e dal 63 percento di loro.

    Inoltre la fiducia nelle istituzioni è grande. Il 60 percento degli svizzeri ritiene che i rappresentanti della politica e dell’economia prendano le decisioni giuste.

    Qui abbiamo riassunto per voi i riscontri più salienti del barometro delle apprensioni 2016.

  • Tecnologia

    Boom delle auto elettriche: crescente domanda di risorse naturali

    I veicoli alimentati a batteria sono una delle tendenze del momento. Il che significa anche un maggiore fabbisogno di risorse naturali, come litio, cobalto e grafite.

    show more / less of expandable content

    Nel prossimo quinquennio la domanda di veicoli e di sistemi di accumulazione elettrici dovrebbe aumentare in media dal 10 al 20 per cento all’anno. Questa tendenza è sostenuta dalla riduzione dei costi delle batterie, da regolamenti più severi in materia di emissioni e da incentivi normativi.

    Le nuove tecnologie delle batterie vanno a braccetto con una crescente domanda di risorse naturali. Aumenta soprattutto la richiesta di litio, cobalto, grafite, nichel, alluminio e rame.

    Per saperne di più sulle conseguenze e sui motivi dell’attuale boom di veicoli elettrici vi invitiamo a leggere il nostro articolo “I beneficiari del boom dei veicoli elettrici”.